Metanovela

jane_virgin_large

Tra le migliori serie tv dell’anno ce n’è una che mi ha stupita o meglio ha continuato a stupirmi: è un genere molto differente dai miei gusti eppure non posso che trovarla deliziosa. Sto parlando di Jane the virgin, ovvero di una vera e propria telenovela. Ho sempre creduto che questo genere potesse risultare intrattenitivo, avvincente per quanto surreale ma comunque privo di alcun risvolto culturale e artistico; vi scrivo perchè chiunque abbia lavorato a questo capolavoro ha fatto un’opera d’arte. Ve lo giuro, è un format davvero delizioso. Stiamo parlando di una telenovela ambientata a Miami ma che mantiene le sue origini sudamericane e in buona parte anche la lingua madre di questo genere: lo spagnolo. Il risultanto ottenuto dall’incontro tra italiano e spagnolo è perfetto, a tal punto che mi sono resa conto di aver visto le ultime stagioni in lingua originale (quindi inglese e spagnolo) senza accorgermene minimamente e quindi senza aver fatto alcuna fatica e lo ammetto in genere ogni tanto l’occhio sul sottotitolo mi cade ma non in questa serie. L’intrigo lascia un po’ a desiderare in quanto abbastanza surreale ma nei limiti dell’accettabile, la regia è spettacola, come anche la sceneggiatura ma il vero e proprio fiori all’occhiello sono gli attori:

  • Gina Rodriguez nei panni della protagonista, non avrei potuto chiedere di meglio che vedere nascere una stella del genere, espressiva quanto richiede la sceneggiatura ma senza esagerare. Sembra nata per questo ruolo ma ciò non mi porta a non desiderare di vederla recitare altri generi, anzi.
  • Andrea Navedo, perfetta e bellissima
  • Yael Grobglas, se non ci fosse Gina sarebbe la migliore attrice: interpreta due personaggi con l’aiuto di pochissimi effetti speciali e lo fa alla perfezione, per un certo periodo ho creduto davvero avesse una gemella.
  • Justin Baldoni, lascia a desideri, probabilmente l’unico motivo per cui è lì sono i pettoriali e l’aria spocchiosa.
  • Brett Dier, divertentissimo e dolcissimo.
  • Jaime Camil, fiammeggiante.
  • Ivonne Coll, immensa.

La trama non ve la sto neanche a spiegare brevemente, non voglio rovinarvi la sopresa.

La consiglio vivamente come serie tv da vedere in famiglia o comunque per alleggerire il tempo libero.

Annunci

Shonda Rimes is back

A poco più di due settimane dal grande ritorno sul piccolo schermo eccomi qui a condividere con voi le mie impressioni. Faccio una piccola premessa: ho voluto aspettare l’uscita di due puntate per serie perché per una delle tre la prima puntata per me è stata come inesistente.

Ovviamente da questo punto in poi ci sono spoiler su spoiler  per cui se ancora non avete visto le puntate fuggite via e anche di corsa.

In ordine di preferenza:

GREYS ANATOMY

Sono basita, davvero. Dopo mesi di attesa e finalmente di una suspence come si deve, Shonda produce una puntata del genere? Una cosa insensata sia per il contento, sia per la puntata in sé. Nel finale di stagione termini con Alex che sta andando a patteggiare e poi ambienti la puntata dopo come se si trattasse di uno spinoff? Riguardo la puntata in sé: perfetta l’interpretazione della ragazzina ma ridicolo il personaggio, contraddizione allo stato puro, un po’ come per la Bailey che si fa impaurire da cosa? Una bambina che urla e fa i capricci? Per non parlare di Jo, non parliamone è meglio, anzi qualcuno mi spieghi ciò che ha detto durante la puntata, in cinese sarebbe stato più chiaro. La Robinson? Molto, molto sciapa.

Fortunatamente dopo una tempesta arriva sempre l’arcobaleno: puntata due. Tutto torna alla normalità: Webber fa i capricci blablabla; Amelia diventa Cristina2 e Owen continua a non capire che prima di sposarsi una donna dovrebbe chiederle se vuole avere figli visto che è un argomento su cui è così intransigente; Riggs finalmente ne fa una giusta; Bailey parla di aria fritta e coso, suo marito, quel personaggio inutile lì fa il solido santarellino sentendosi Gesù sceso in terra pronto a salvare chiunque non glielo chieda; Meredith ineccepibile come sempre, in questa puntata sottolinea l’importanza delle eroiche persone comuni e per una volta dopo 20.000 episodi eccola fare qualcosa di normale, tipo la fila; Alex che dorme tutto il giorno? La sera prima si tracanna l’ultimo drink della sua vita come se stesse andando al patibolo e poi una volta graziato dorme 24 ore di fila?Forse Shonda si è scordata che sta parlando di un chirurgo; la Robinson bella, cattiva e così dolce nei confronti di  Alex; Jo improvvisamente capisce che è tutta colpa sua e delle sue turbe mentali ma sembra scordarsi che fino all’altro ieri amava Alex, cioè dai: davvero ha smesso di amarlo perché ha dato due cazzotti a uno che se la stava montando?? Ah, dopo non so quante puntate mi sono accorta che Callie è andata via, poco male.

No, non mi sono scordata di loro, i miei amati Japril: Jackson arrabbiati più spesso e ricordami che sei un chirurgo plastico perché davvero sei tanta roba.
SCANDAL

Delle tre prime puntate credo sia stata la migliore: la monotonia si è fatta sentire, è vero ma rimane sulla sua linea iniziale. Bellissime Olivia e Mellie ma davvero le avete fatte perdere? Improbabile, come è improbabile che tutti non abbiano pensato subito a Cyrus dopo l’omicidio. Vedremo prima o poi Fitz non fare sempre lo stesso errore?? Mi fa cascare le paaaaaaa….

Seconda parte: il presidente che alza la voce? Allora un po’ di carattere lo ha.. chi lo avrebbe mai detto. Il trio morte sempre più inquietante, come il solo pensiero che possano riprodursi tra loro. Olivia stai attenta e anche molto perché ormai la protagonista è un’altra e con palle molto più grandi delle tue, peccato per la cottarella.

HOW TO GET AWAY WITH MURDER?

OMG mettetela in galera e amen, insieme ai due sue scagnozzi. Ma davvero credevano che Wess si sarebbe bevuto la storiella sulla fuga di Rebecca? Meno uno, speriamo gli altri muoiano in fretta così da levarci questa serie dai piedi. Un po’ come Quantico, avrebbero dovuto farla finire tempo fa..

CI RIBECCHIAMO LA PROSSIMA SETTIMANA GUYS, XOXO